Presentazione - aprile 2018

In questo numero, nella prima sezione presentiamo:
- per la scuola dell’infanzia: Ogni momento dell’anno diventa un’occasione per vivere un’esperienza con i bambini. Così la Quaresima è diventata la possibilità di drammatizzare alcuni episodi evangelici, drammatizzazioni che hanno molto coinvolto i bambini, entusiasti di potersi metter personalmente in gioco. Un metodo da riapplicare in molte altre occasioni.

- per la primaria: Anche dalla prima classe della scuola primaria è possibile lavorare per competenze? Sì, se si lavora sui livelli di base delle competenze. E’ quello che succede nell’esperienza che presentiamo, nella quale la maestra, con inventiva e creatività didattica, ha utilizzato le due pagine del quaderno come se fossero uno spazio figurato, dove far scrivere le parole in modo equilibrato dal punto di vista spaziale.

- per la 2^ della secondaria di primo grado: Quanto più sono legati alle esperienze vere e normali del fare scuola, tanto più i percorsi per competenze diventano interessanti per docenti e ragazzi. Quello che presentiamo è appunto un’esperienza tipica della scuola – una visita ad una città – che la professionalità e la fantasia didattica di una docente ha trasformato in un percorso per competenze, capace – soprattutto – di suscitare l’interesse dei studenti, che si sono sentiti protagonisti de le loro attività e quindi del loro apprendimento.

- per la 3^ della scuola superiore: La competenza si riferisce a situazioni di compito che – quanto più sono reali - tanto più sono efficaci. Purtroppo nella scuola non sempre è possibile realizzare situazioni di questo tipo: ecco quindi che subentrano le situazioni simulate, come quelle di lingua inglese, esemplificate nell’esperienza qui di seguito riportata.